Baci e crisi

marzo 13, 2009

Cosa hanno in comune i Baci perugina e le crisi umanitarie? Duecento milioni di euro, ovvero la quantità di soldi rispettivamente investita dai cittadini italiani per l’acquisto dei cioccolatini e dallo stato per l’assistenza alle crisi nel 2006. Si tratta di uno dei tanti dati riportati oggi dal network Agire nella sede Rai di viale Mazzini, in occasione della firma del protocollo d’intesa con la tv di Stato. Per fortuna ci pensano le singole persone a compensare la grettezza del governo:le donaizoni private alle ong poi investite in assistenza alle crisi hanno raggiunto i 65 milioni nel 2006 e i 70 milioni nel 2007, pari al 90 per cento dei fondi stanziati direttamente dal governo al netto dei trasferimento verso l’Unione Europea.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: