Né vino, né verità

marzo 3, 2009

Mentre una delegazione di attori holliwoodiani chiede scusa per le offese subìte dal popolo iraniano a opera del cinema americano, e Ahmadinejad si preoccupa per la violazione dei diritti umani da parte di quei criminali degli israeliani, in Iran è scomparso l’ennesimo giornalista. Roxana Saberi, cittadina statunitense con papà iraniano, si trovava nel paese da sei anni e stava raccogliendo materiale per un libro prima di ritornare negli States. Senza nessuna spiegazione il regime le aveva ritirato l’accredito stampa nel 2006; da allora in poi le sue attività erano state dichiarate illegali. Il 10 febbraio Roxana ha contattato telefonicamente il padre Reza dicendogli di essere stata arrestata dopo aver comprato una bottiglia di vino, il che è proibito, e di trovarsi in carcere da 10 giorni; ha aggiunto che sarebbe stata liberata nel giro di due giorni, ma di lei non si sa ancora nulla.

Annunci

2 Risposte to “Né vino, né verità”


  1. […] 2009 Un portavoce dei giudici iraniani ha dichiarato oggi, durante una conferenza stampa, che la giornalista statunitense Roxana Saberi si trova incarcerata nella prigione di Evin, a nord di Teheran, da circa un mese, per aver […]


  2. […] Né vino, né verità In Iran continuano a sparire giornalisti […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: