Archive for dicembre, 2008

Hope

dicembre 9, 2008

Per bilanciare la sconfortante immagine del mondo del lavoro di qualche giorno fa:

Cara Arianna,
al momento non cerchiamo stagisti, ma ci ricorderemo senz’altro di te!
In bocca al lupo e non mollare!
La redazione
Annunci

Tentazioni

dicembre 6, 2008

Se questi del piano bar continuano a massacrare per altri tre minuti tutti i successi di Battisti, abbandono Michael Scofield e mi aggiungo saltellando a loro.

Anche i Principi piangono

dicembre 6, 2008

Al piano bar appiccicato a casa mia hanno appena stonato e storpiato a squarciagola la Donna cannone; ma forse Ciccio sarebbe – sarebbe stato? – più disperato a sapere che poi hanno cantato Non me lo so spiegare (ed erano tutti più intonati, se lo può consolare).

Heroes

dicembre 6, 2008

Non solo Montecristo vi sembrerà un dilettante fortunato, ma persino Superman vi farà sorridere se paragonato a Michael Scofield.

H(am)ass

dicembre 6, 2008

Leggo soltanto ora che Hamas ha espulso da Gaza Amira Hass. Qui l’intervista di Francesca Marretta su Liberazione.

(Qualche maligno mi ha suggerito che evidentemente era troppo moderata.)

Roma, 5 dic.- (Androkos)

dicembre 5, 2008

In questi giorni sto inviando un po’ di curriculum a giornali e agenzie di stampa in cerca di uno stage; sono appena uscita dall’università, il mio curriculum è praticamente vuoto, quindi capirete bene che quel che voglio è farmi un’idea di come funziona il lavoro lì, e farmi in quattro per imparare. Sono anche ben consapevole di avere poche chance di ottenere uno stage nel settore: devo venirmene fuori con qualche trovata. Scrivo la lettera di presentazione a mo’ di comunicato stampa e inizio a inviarla a tutte le agenzie di Roma che trovo sull’Agenda del giornalista. Dopo pochi minuti mi chiamano dall’Omniroma. Mi offrono un colloquio e – ovviamente – accetto subito. Alle 11:30 del giorno dopo mi presento allo studio e mi accoglie il direttore. Dopo le prime domande inizia ad avvisarmi che lì dentro scoprirò che “la vita è gelo, che il lavoro è sudore e fatica”, che svolgerò “mansioni oscure che non mi daranno soddisfazione”, e che sarà per me “un bagno di umiltà”. Aggiunge di avermi dato la precedenza perché ha trovato la mia presentazione brillante, anche se spesso i tipi brillanti hanno “un ego smisurato e non riescono a conciliare costanza e perseveranza”. Mi concedo qualche faccia contrariata e gli chiedo quante ore dovrei lavorare lì. Otto al giorno, ovviamente non pagata, più un sabato sì e uno no. Mi sembra un po’ tanto visto che all’Ap – una delle agenzie più prestigiose del mondo, una di quelle che fanno uno stage serio e formativo – ne fanno sette. Poi gli anticipo che venendo da fuori vorrei tornare a casa per le feste, e gli chiedo quanti giorni potrebbe darmi. Lui mi riprende, avvertendomi per eventuali colloquî futuri: “chi non ha esperienza non può chiedere quante ore deve lavorare, né dei suoi diritti, all’inizio ci dev’essere entusiasmo puro e solo quando si avrà esperienza e l’entusiasmo calerà si potrà avanzare qualche pretesa”. Allora gli domando cosa dovrei fare. Alla fine gli chiedo un po’ di tempo per pensarci e lui mi risponde che certo, è nei miei diritti, ma che se lo chiamo dopo 15 giorni lui può aver trovato benissimo un altro. Ovvio, rispondo io.

Decido di accettare lo stage, cerco anche delle attenuanti al direttore: magari voleva solo testare il mio interesse – modalità discutibile, ok – conoscendolo si dimostra ragionevole, tutto sommato ha deciso di premiarmi perché pensa possa essere brava, e alle 18 chiamo in ufficio. Non risponde nessuno, allora in serata invio un’email chiedendo se l’offerta era ancora valida, visto che io sarei disponibile. Il giorno dopo mi trovo questa risposta:

“Per lo stage abbiamo gia’ scelto. Non era il lavoro all’altezza di quelle che adesso lei ritiene di poter considerare le sue aspettative”. Cosi’, con una secca nota, la direzione dell’agenzia Omniroma le comunica la ferale decisione. Cordialita’, buon lavoro, e si ricordi che in questo lavoro, per essere grandi, brillantezza, umilta’ e perseveranza debbono sempre andare di pari passo.
Auguri di buone feste e di buon futuro
Giuseppe Musmarra.”

Lo chiamo in ufficio per insultarlo, ma non c’è. Riprovo domani.

Primarie sempre

dicembre 1, 2008

Sto andando qui

Miraggi

dicembre 1, 2008

Leggo che i 55 delegati che nel 1787 stilarono la Costituzione degli States, avevano un’età media di 44 anni.

Il prossimo passo è la Cavalleria Rusticana

dicembre 1, 2008

“La mafia… Siamo ancora oggi alla ricerca di una risposta definitiva su che cosa sia. Di primo acchito mi verrebbe da dire che è un atteggiamento mentale. La mafia viene dopo la mafiosità, che non è comportamento solo ed esclusivamente siciliano.”

Qualcuno spieghi ad Angelo Provenzano che oggi ce l’abbiamo una risposta chiara e dettagliata su cosa sia la mafia: un’organizzazione criminale. Tutte le storie sulla mafiosità, l’onore, la sicilianità non sono che comode frottole dietro cui mafiosi e sostenitori continuano a nascondersi da due secoli.